lunedì 2 maggio 2016

Il "Colorful Subs" consiglia...

She Was Pretty

Col tempo e le temperature che ci sono in questi giorni sembra quasi di essere tornati in autunno-inverno e allora non si poteva non consigliare un drama uscito proprio l'autunno scorso! XD
Andato in onda sulla MBC dal 16 settembre all'11 novembre di mercoledì e giovedì alle 21.55 con un picco massimo di ascolti del 18% è arrivato anche ad occupare il secondo posto tra i programmi più visti in quel periodo. Un buon risultato, dunque.  



                                                                        Sinossi

Hye Jin (Hwang Jung-Eum, Kill me Heal me) da piccola era una bella bambina molto popolare, ma non avevamo dubbi, mentre Sung-Joon (Park Seo-Joon, A Witch's Romance) era un ciccio bombo senza amici, lo sfigato di turno per intenderci. Eppure lei gli diventa amica e addirittura gli dà conforto in un giorno di pioggia. Sung-Joon, infatti, è traumatizzato dalla pioggia (il motivo lo lascio scoprire a voi). Inutile dire che lei per lui rappresenta il suo primo amore, ma il destino a volte è proprio crudele e infatti il padre di Sung-Joon ottiene un trasferimento negli USA e quindi porterà con sé suo figlio. Ricordo che siamo in Drama-land per cui il destino può essere tanto crudele quanto benevolo e infatti trascorsi 15 anni Sung-Joon ha l'occasione di tornare in Corea. Che il primo amore non si scordi mai è un dato di fatto e qui ne abbiamo la conferma. Come torna in Corea fissa un incontro con Hye-Jin per rincontrarsi dopo tanti anni, ma Hye-Jin in un primo momento tanto entusiasta della cosa (quel ragazzino un po' in sovrappeso non le era affatto indifferente) si ricrede quando lui, trasformatosi in un gran figo, non solo le passa oltre senza riconoscerla, ma addirittura la scambia per un'altra. Lei pensava di trovarsi davanti la versione adulta di ciccio bombo, mentre lui credeva di ritrovare la bella. Gli anni passano per tutti, si sa, e nel frattempo si migliora o si peggiora. Diciamo quindi che a Sung-Joon il tempo ha fatto bene, a Hye-Jin ha fatto male. Praticamente i ruoli si sono invertiti e ora è lei la sfigata! Lui uno strafigo e lei una donna dal bel fisico, certo, ma che si sa valorizzare come una busta dell'immondizia al buio. Affetta da couperose, un po', si fa per dire, sciattona e dal quanto mai dubbio gusto stilistico, in effetti lo definirei più un gusto dell'orrido, però sono dettagli. In più non ha uno straccio di lavoro. Potete, quindi, ben comprendere come mai Hye-Jin presa dal panico e dalla vergogna abbia l'idea geniale, anche qui si fa per dire, di far presentare al suo posto la sua migliore amica Ha-Ri (Koh Joon-Hee, Queen of Ambition), che è il suo opposto, ovviamente, bella e super curata. La farsa reggerà? Considerando anche il fatto che Hye-Jin troverà impiego come stagista presso una rivista di moda che ha, guarda caso, come suo nuovo Vice Direttore nient'altri che Sung-Joon, rientrato dall'America apposta per ricoprire questo ruolo?

                                                                   Personaggi
Hye-Jin: è una macchietta vivente, volutamente resa tale. Donna buona, fin troppo a volte, stacanovista, insicura, dalle reazioni esagerate, dai modi e dalle maniere non proprio principesche e con scarse conoscenze sul come fare a non trasmettere a tutti quelli che le stan intorno raffreddore e tosse. A volte un po' tonta, imbranata e si lascia maltrattare un po' troppo facilmente. Vuole un bene dell'anima alla sua migliore amica e nonostante scopra che lei non si sia comportata onestamente nei suoi confronti questo non le fa buttare al vento un'amicizia di una vita, anzi, prova a capire le ragioni dell'amica, pensando anche ai suoi di sbagli. L'amore può far rompere le migliori amicizie, ma non quelle solide come quella che ha con Ha-Ri. Non è un personaggio statico, anzi, evolve e non solo caratterialmente, ma anche nell'aspetto. Solito cliché penserete...guardatelo fino alla fine e poi ne riparleremo. Tutte possiamo essere e mostrarci belle se ci sentiamo belle e la vita da personaggi secondari non è sempre così male, anzi, a volte sono proprio i personaggi secondari ad avere le storie migliori. 

Sung Joon: il brutto anatroccolo che si è trasformato in un bellissimo cigno, un gelido principe che vive per il lavoro e nel ricordo idealizzato di questo suo primo amore. Un po' omofobo (le scene b-love sono veramente fantastiche), distratto come pochi quando è concentrato su qualcosa, tanto gentile, dolce e pieno di premure verso colei che crede esser il suo amore ritrovato quanto uno str***o patentato come capo e verso Hye-Jin in più di un'occasione. Eppure si ritroverà a sentire come familiare la persona che crede un'estranea, mentre avvertirà come estranea la persona che più di tutte dovrebbe essergli familiare. Il cuore riuscirà ad indirizzarlo verso la verità?

Shin-Hyuk: l'uomo per cui, da solo, vale la pena di vedere questo drama (Choi Si-Won, Skip Beat, ha dato il meglio di sé con quest'interpretazione!). Un uomo avvolto nel mistero, è molto ricco eppure si spaccia per un poveraccio, non perdendo occasione di scroccare pasti a Hye-Jin, da lui soprannominata Jackson per la somiglianza nel modo di vestire con Michael Jackson. È il primo a notare Hye-Jin e a trovarla bella per com'è e a preferirla in versione sciatta piuttosto che tutta tirata a lucido. È un tipo onesto, allegro e spensierato, sempre col sorriso sulle labbra e con delle espressioni facciali impagabili. Un giocherellone a cui piace far scherzi, anche scemi, a Jackson, un mattacchione insomma. Uno che sembra non prender nulla sul serio e interessato solo a fare le cose che lo divertono e a frequentare le persone che lo incuriosiscono. Nulla sembra poterlo scalfire, ma sarà davvero così? E soprattutto quale segreto si cela dietro il suo spacciarsi per uno squattrinato? 

Ha-Ri: il "marito" di Hye-Jin. La loro amicizia è così profonda che chiama Hye-Jin "moglie" e guai a chi gliela tocca. Una chaebol che si vuol far strada da sola nella vita, con un rapporto con il padre non proprio idilliaco e una ferita aperta derivante dal divorzio dei suoi e con la sindrome dell'abbandono. Bella e complessata, ma con tanti spasimanti mette sempre al primo posto la sua migliore amica, sua famiglia e suo tutto. Le vuole così bene da accettare, anche se non proprio di buon grado, di spacciarsi per Hye-Jin con Sung-Joon. Purtroppo però fingi oggi e fingi domani avendo modo di conoscere meglio Sung-Joon finirà per innamorarsene. Che fare? Reprimere i suoi sentimenti e dire la verità o continuare a fingere sperando si innamori di lei?

Kim Ra-Ra: Direttrice della rivista di moda svitata quanto simpatica con il suo "Ciao Amore", "Amore mio" e "O Sole mio" (perché si, parla quasi più italiano che coreano un altro po') la ritroviamo anche nei panni dell'arcigna signora di campagna che costringerà a ripagare il conto ai nostri protagonisti spalando... vedetelo e lo scoprirete ;)
È un personaggio da cui non si può non restare colpiti, in pratica, fosse anche per il suo essere trash, il cui acmè lo si ha nel look xD e per i suoi tentativi di approccio verso Sung-Joon.

                                Considerazioni
She Was Pretty è una comedy romance che vi farà trascorrere piacevoli ore strappandovi diversi sorrisi. Tra le reazioni super esagerate di Hye-Jin al solo vedere Sung-Joon perché ha il timore di poter essere scoperta e i tanti siparietti tra lei e Shin-Hyuk e quelli di Sung-Joon quando sbatte ovunque per distrazione o quando sviene perché non regge l'alcol o quando beve l'acqua, ma non dal bicchiere, insomma non si ha il tempo di rattristarsi! Se siete alla ricerca di un drama frivolo, simpatico e non proprio scontato direi proprio che fa per voi! Non aspettatevi il capolavoro, quindi, perché non lo è. 
Tra il nostro protagonista un po' troppo sulle sue e a volte davvero un ghiacciolo e Shin-Hyuk con il suo essere travolgente e caloroso si è portati non solo a tifare per lui, ma anche ad avere la sindrome da second lead. Per non parlare di come si sfizia Shin-Hyuk a far credere a Sung-Joon di essere attratto da lui, la scena delle mutande è fantastica. Vedere per credere! 
Tre elementi vi accompagneranno in tutto il drama: 
1) La pioggia: ognuno dei quattro personaggi principali ha un rapporto diverso con essa;
2) la canzone "close to you" dei The Carpenters, associata ai ricordi d'infanzia di Hye-Jin e Sung-Joon e infine
3) il quadro "Ballo in campagna" di Renoir in cui oltre ai protagonisti danzanti fa capolino, se ci si fa caso, una ragazza che li osserva... La "guardona", quello che si potrebbe definire un personaggio secondario, uno di quelli che passa del tutto inosservato ai più, relegato a ricoprire un ruolo non certo di rilievo ai fini della storia. Uno alla cui assenza nessuno farebbe caso. E questo è quello che capita alla nostra protagonista: nella sua storia personale parte avendo il ruolo di guardona, ma col tempo imparerà a ricavarsi il proprio spazio e a diventare protagonista della sua vita pur nel suo essere un personaggio secondario. Ognuno è artefice del proprio destino!
Detto ciò non mi resta che mostrarvi l'ultimo motivo per guardarlo XD

Il Drama She Was Pretty lo trovate sub ita dal Cookies 'n Candies Fansub e dal J-Otaku Fansub.
     

Nessun commento:

Posta un commento

Go Back Couple - Ep. 01

 Buonasera, ci si rivede. 👸 Quest'oggi non volevamo proprio aspettare per rilasciare un nuovo episodio di un altro progetto in corso...